fbpx

La penna uccide

Quando dissi a mia madre che volevo fare lo scrittore pianse. Era una mattina d’autunno, ma poteva essere anche un pomeriggio dalla luce bianca, e stavamo seduti al tavolo della cucina. Lei si era alzata per un attimo, e io le dissi col capo leggermente chino che avrei abbandonato quella che sembrava essere una promettente carriera nel campo delle scienze psicologiche per darmi esclusivamente alla scrittura. Avevo 23 anni. Pianse, e tra i singhiozzi e le dita umide mi chiese perché, perché volevo morire in un modo così infame.

Scala Paradiso - 1

Tra terra e cielo

bruno fornara

Utopia distopia ucronia: disfunzioni del tempo. O anche: tempi e luoghi mai visti, immaginati, possibili solo nelle narrazioni, al cinema, nei romanzi. I film di questo tipo tendono ad essere pessimisti: deserti post-guerre mondiali o galattiche, virus e pandemie (Cronenberg), scienziati pazzi, esseri mostruosi, distruzioni, catastrofi.

Andiamo controcorrente. Lasciamo da parte la prospettiva negativa, visti i tempi. Pensiamo positivo. Ci sono film che immaginano lontani mondi futuri o passati, positivi e accoglienti. Un film – che amo troppo – è Scala al paradiso, tit. or. Matter of Life and Death, regia di coppia di Michael Powell ed Emeric Pressburger (1946, UK). P&P hanno lavorato insieme per un lungo periodo con risultati splendidi, si definivano The Archers. Consiglio caldamente Duello a Berlino (The Life and Death of Colonel Blimp), Narciso nero (Black Narcissus), Scarpette rosse (The Red Shoes), I racconti di Hoffmann (The Tales of Hoffmann), fino a un film diretto dal solo Powell, L’occhio che uccide (Peeping Tom, 1960), uno dei grandi capolavori dell’horror, un orrore interiore, familiare e cinematografico (il protagonista lavora in una troupe).

Scala al paradiso è una storia d’amore che comincia in guerra. Un bombardiere torna dalla Germania nazista, arriva sulla costa inglese, l’aereo è in fiamme, il pilota è in contatto con la torre di controllo, parla con una giovane donna dall’accento americano, colpo di fulmine, basta quel (magnifico) dialogo per farli innamorare, lui si butta dall’aereo senza paracadute, cade su una spiaggia, si rialza: e il film entra in una zona fantastica, gentile, molto bizzarra. Infinite sorprese: su una duna un pastorello nudo suona un flauto, la ragazza passa in bicicletta, stacco e siamo in paradiso, un paradiso burocratico e meccanicistico, in bianco e nero (mentre la terra è a colori), arrivano alla reception gli aviatori morti, non quel pilota. E avanti così sul filo di una felice utopia. Bisogna mandare qualcuno a recuperarlo. Chi? Un francese ghigliottinato durante la Rivoluzione. Ci sono poi una partita di pingpong immobilizzata di colpo, la scala mobile per il paradiso, un processo, un’operazione chirurgica. Si respira dappertutto un umorismo metafisico, una inventività favolosa e favolistica, una completa libertà unita a una sfacciataggine notevole: e il trionfo dell’amore. Film smisurato come tanti P&P, astuto, inventivo. Utopico.

Guardatevi i film di P&P, più L’occhio che uccide del solo primo P.

_DSC0117

Una Luce Nella Nebbia

Un progetto ambizioso, riqualificare un'intera area sostituendo la cultura alle ruspe.
Unknown-2

Loop o passione?

Con il giovane disegnatore viterbese Marco Catarcione abbiamo affrontato il tema del loop, applicato al mondo del disegno e della fumettistica
AppenaDietroIlRespiro_LogoNero

Vivere in un libro con la Realtà Virtuale

Se da un lato siamo bombardati di articoli di giornale, inchieste e conferenze sul tema della “Morte dell’Editoria”, dall’altro c’è chi nel potere delle parole e delle storie ci crede…
gabriele 3

Edificare una comunità consapevole

Intervista a Gabriele Vacis. Noi pensiamo che la bellezza sia produzione di forme, ma questo è da superare, uno sguardo o un contatto contengono una bellezza straordinaria. Dobbiamo difenderci, emanciparci…
leonardo-foto

Le Parole per la Lentezza

Intervista allo sceneggiatore cinematografico e teatrale Leonardo Staglianò, che ci racconta del personaggio più lento del mondo e dei retroscena dell'arte della scrittura per immagini
bottega fagnola

Resilienza artigiana

Bottega Fagnola, maestri legatori e restauratori che curano l’oggetto libro prima del suo contenuto.
V L Jerace ritratto di Fanny Salazar RC Pinacoteca civica

Tra le urla un suono lieve: Fanny Zampini Salazar

La storia è fatta di grandi battaglie. I traguardi sono il risultato di tante microstorie, tra queste quella di Fanny: giornalista insegnante, scrittrice, madre e donna la cui voce ha…
34-boccioni-quelli-che-restano-degli-stati-danimo

#2. LA MATERIA

È chiaro che questi amici, che queste persone che guardo camminare, che conosco, alle quali voglio bene come ad una parte della mia giornata e di tutto il macchinario, non…
portrait

I Demoni Siamo Noi

I sogni come strumento di vita, intervista a Yayu, illustratrice Cino-americana.
walk by Marc Martin

Festina Lente

Capita di frequente, che qualcuno di noi, sin dall’infanzia, venga perseguitato dallo spettro della lentezza e che da qualche anno avverta una minore tolleranza nei confronti di questa anti-skill. Veniamo…
torre2

Quando ti viene la febbre, e sei di Rozzano

Io sono cresciuto a Milano 3, lui è di Rozzano. Ma ci siamo capiti lo stesso. Ho videochiamato Jonathan Bazzi – autore di Febbre, romanzo d’esordio candidato al Premio Strega…